Marcia per la scienza 2017, in tempo di guerra la ricerca resta neutrale? - Il Fatto Quotidiano